proverbilogo2

proverbi

Proverbi e modi de dir triestini, noti e meno noti, sono le nostre perle di saggezza! Ecco qui una selezione:

Amor xe amor, no xe brodo de fasoi

Can no magna can

Dio no xe furlàn, se no te paghi ogi te pagherà doman

Dio vedi, Dio provedi

No ‘cori serar la stala co le vache xe zà scampade

Xe più giorni che luganighe

Soldi sarà che noi no saremo

Speta muss che l’erba cresi

Stuco e pitura fa bela figura

Tante ciacole ma poche fritole

Xè pezo el tacòn che el buso

Più che te la misi, più la spuza

Chi va in leto senza zena, tuta la note se remena

Far e disfar xe tuto un lavorar

Movite che el sol magna le ore

Ogni lassada xe persa

L’erba mata cresi presto

Chi no ga testa ga gambe

Fora el dente, fora el dolor

Chi parla in orecia no val una tecia

Galina vecia fa bon brodo

Salute e bori e altro no ocori

Chi mori el mondo lassa, chi vivi se la spassa

Semo solo de passagio

El fruto no va lontan de l’albero

Chi no ga santoli no ga buzzolai

Chi no fa gnente, no sbaglia

Caga duro, pissa forte, mai paura de la morte

No xe un mal senza un ben

Sposi freschi, leto caldo

A l’omo xe sempre tempo de cavarghe la matricola

Chi pol … comanda, chi devi … ubidissi

chi ga el difeto, ga el sospeto

ogni ridada ghe cava un ciodo a la bara

chi zoga per bisogno perdi per necessità

xe meio ubidir che farse santificar

in barca persa, tuti xe piloti

el bon mercà rovina la scarsela

chi aceta per piazer, paga per dover

co se se sta per negar, se se guanta anche pei rasoi

chi pissa controvento se bagna le braghe

xe meio esser paron de barca, che capitan de vapor

xe meio un acordo magro che una sentenza grassa

l’abito no fa el monaco ma lo rapresenta

chi che nassi fortunai, ghe piovi sul cul anche a star sentai

no ga mai furia chi che se ciol el suo tempo

do calighi fa una bora, tre calighi fa una piova

bisogna rispetar el can per el paron

l’usel se lo conosse dele piume

vesti un pal e el par un cardinal

amor de soldà el dura un’ora, dove che’l va el trova una siora

El vento, el cul e i siori i fa sempre quel che i vol lori

Meio una torta in tanti che una merda soli

Chi che vol viver e star ben, cioghi le robe come che le vien

Xe meio esser usel de bosco che usel de cheba

Dopo i confeti vien fora i difeti

Passa i ani e cressi i afani

El mondo xe fato a scarpete, chi se le cava e chi se le mete

La lingua onzi, el dente sponzi

Chi che ga la rogna, che se la grati

Marzo suto, april bagnà, beato el contadin che ga seminà

Sempre alegri, mai passion: crepa la mussa, resta el paron

La grandeza senza pan la xe mara come un can

Meo nissun amico che un nemico

No ghe xe meio specio che l’amico vecio

Amor senza basi, minestra senza sal

Chi ga avù, ga avù e non se ne ghe parli più

Ai poveri ghe manca assai, ai avari tuto

Bela in fassa, bruta in piaza

El galo senza cresta xe un capon, l’omo senza barba xe un mincion

Xe meio un aiuto che cento consili

Duro con duro, no fa bon muro

Viver per no morir

No spetar che l’aqua rivi al cul

Matrimoni e macaroni, se noi xe caldi noi xe boni

Per i avocati xe sempre vendemia

Per portar un morto ghe vol quatro vivi

Chi che bevi col bucal, bevi quanto che ghe par

Richeza mobile, miseria stabile

Chi che ziga ga ragion

Le fritole xe come le done: se no le xe tonde no le xe bone

A chi no ga denti, ghe capita le nose

Maledeta la furia… diseva la cagoia

Chi no sa leger la propria scritura xe un asino de natura

Chi ride de venerdì, piansi de domenica

In paradiso no se va in caroza

La grandeza senza pan, xe amara come un can

Ogni scusa stropa una busa

Tuti i salmi finissi in gloria