ENPA. Liberiamo insieme | Trieste scrivi

ENPA. Liberiamo insieme

Merli, passeri, cinciallegre, gazze, ricci e assioli, dopo le amorevoli cure della sezione ENPA di Trieste, riacquistano la libertà, davanti agli occhi delle numerose persone accorse nella giornata di ieri per assistere a questo evento, definito dallo stesso ente, liberatorio! Un evento, caratterizzato da un clima un po’ instabile, preceduto da una visita, guidata dai volontari dell’ENPA, che ha permesso a grandi e bambini di osservare alcuni ospiti della struttura, dai rapaci ai caprioli, dai cinghiali alle piccole cavie. Gli animali sono stati liberati all’interno dell’Oasi del Farneto, uno spazio verde all’interno del centro urbano di Trieste di oltre 80.000 metri quadrati dove è tutelato l’ambiente con la sua flora e trovano spazio e protezione gli animali tutti che vivono sul territorio, quelli in libertà e quelli in cura. Questo tipo di iniziative, che richiamano piccoli e grandi spettatori, utili anche alla conoscenza delle specie e delle loro caratteristiche, non sono nuove per l’ENPA di Trieste che, in diversi periodi dell’anno, organizza anche eventi collaterali alla liberazione dei vari animali. Se vi siete persi questa occasione, ve ne saranno di sicuro altre. Intanto potete guardare le foto dell’evento di ieri (clicca sulla foto per accedere all’album. Poi clicca sulle singole foto per ingrandirle).

ENPA di Trieste ci ha chiesto, secondo le modalità offerte dal sito, un reportage fotografico. Abbiamo accettato volentieri e le foto che potete vedere sono il risultato di un pomeriggio passato insieme. L’album che vi proponiamo qui riguarda una breve visita concessa prima dell’evento, grazie all’ausilio dei volontari, che ci hanno accompagnato. In alcune gabbie ci è anche stato concesso, sotto supervisione,  di entrare per poter fotografare gli animali da vicino. Una grande opportunità, che ringraziamo. Vi ricordiamo al tal proposito che l’Oasi, previo accordi, può essere visitata, con l’opportuna attenzione a non metter a disagio gli “ospiti”.

NOTA: sono concessi a ENPA Trieste i diritti per l’utilizzo, la pubblicazione e diffusione delle nostre immagini, secondo modalità decise dall’ente stesso. Viene anche concesso l’utilizzo del marchio “ENPA Trieste”, sovrapponibile alle immagini. Diversamente, è vietato l’utilizzo delle immagini, a chiunque, per scopi commerciali o per altri scopi non riguardanti attività di ENPA Trieste.

Evento senza dubbio attrattivo ed educativo, non solo per i bambini ma anche per gli adulti, utile per una sensibilizzazione ambientale e animale, che non fa mai male, soprattutto nell’ottica dei recenti casi di abbandono, sempre più frequenti. L’ambiente e quello di una natura a tratti selvaggia, che fa quasi dimenticare di essere all’interno di una città. Organizzazione pressochè perfetta a testimonianza della passione dei volontari e di chi gestisce la struttura. Si vede la professionalità e la competenza. L’interazione con il pubblico la creano gli stessi “ospiti” dell’ente, protagonisti di eventi di questo tipo, ma non mancano anche eventi collaterali soprattutto per i più piccoli.

Merli, passeri, cinciallegre, gazze, ricci e assioli, dopo le amorevoli cure della sezione ENPA di Trieste, riacquistano la libertà, davanti agli occhi delle numerose persone accorse nella giornata di ieri per assistere a questo evento, definito dallo stesso ente, liberatorio! Un evento, caratterizzato da un clima un po' instabile, preceduto da una visita, guidata dai volontari dell'ENPA, che ha permesso a grandi e bambini di osservare alcuni ospiti della struttura, dai rapaci ai caprioli, dai cinghiali alle piccole cavie. Gli animali sono stati liberati all'interno dell'Oasi del Farneto, uno spazio verde all’interno del centro urbano di Trieste di oltre 80.000…

La nostra recensione

Attrattività
Ambiente
Spettacolarità
Organizzazione
Interazione con il pubblico

Consigliamo di partecipare agli eventi di questo tipo, soprattutto per educare i più piccoli alle responsabilità verso gli animali

leggi anche

00

La Grande Trieste

Trieste va guardata, percorsa, esplorata, va scoperta nelle sue vie e nelle sue piazze, entrando …